“TI SEMBRA IL CASO?” ERRI DE LUCA & PAOLO SASSONE-CORSI

Erri De Luca

Ti sembra il Caso?”, è da questa frase catturata per “caso” in una conversazione per strada, che nasce per Erri de Luca l’idea del titolo di questo libro, “una schermaglia tra un narratore e un biologo”. Lo scrittore è lo stesso De Luca  e lo scienziato è Paolo Sassone-Corsi , biologo molecolare che vive in California con la moglie  Emiliana Borrelli, neurobiologa nella stessa università. Sia Erri che Paolo sono originari di Napoli e la città spesso fa da sfondo ai oro ricordi nel corso delle mail che i due amici si scambiano da una parte all’altra dell’Oceano. I due iniziano a interrogarsi sull’ineluttabilità del destino e il Caso:

“Un ultimo pensiero: il fattore che più mi piace prendere in considerazione e che in proporzione sorprendente dà una forma alle nostre “tendenze”, è il Caso. Nel corso della nostra vita il Caso ci fa incontrare persone che ci cambiano, ci fa scoprire un vino straordinario, ci fa assaporare un tramonto inaspettato in un luogo che diventa indimenticabile. E il piacere, o dispiacere, che questi eventi casuali provocano ci porta a volerli riprodurre o fuggire – una memoria che si scrive sul genoma.

Il Caso mi sembra una forza rassicurante rispetto all’ineluttabilità della sequenza del Dna.” (Paolo da Ti sembra il Caso)

 

La risposta di Erri :

“Resto confuso del termine che impieghi: tendenza. Mi aspettavo un parolone scientifico, inaccessibile, un teorema, una formula chimica e invece: tendenza. (…)

… introduci la divinità laica del Caso. A Napoli se lo giocano al lotto, ma almeno cercano di estorcergli una probabilità maggiore attraverso la sequenza  dei ritardi dei numeri in uscita. Tu scrivi:il Caso. Io chiedo: ti sembra il Caso?

De Luca trae spunto per le sue provocazioni dalla vita quotidiana e solletica l’amico scienziato sugli argomenti più diversi. Continua a leggere

FEDERICO GARCÍA LORCA, UN POETA A NEW YORK

Federico García Lorca (1898-1936)

Federico García Lorca è uno degli autori che amo di più della letteratura spagnola e di cui sempre mi ha stupito la grande forza innovativa, la particolare sensibilità e l’apporto che ha saputo dare, nella sua breve vita, alla letteratura, non solo in lingua spagnola. Eppure in soli 38 anni Lorca  è riuscito a essere pianista, disegnatore, e poi soprattutto poeta e drammaturgo.

Il giornale the Guardian dava la notizia ieri dell’apertura il 5 aprile a New York, alla Public Library, della più grande mostra dedicata all’opera di Lorca negli Stati Uniti. La scelta di New York non è casuale. Il 12 luglio 1936, Lorca  lasciò sul tavolo del suo editore José Bergamín a Madrid,  il manoscritto della sua raccolta di poesie dal titolo Poeta a New York ( Poeta en Nueva York) Continua a leggere

NUOVO LIBRO DI ILDEFONSO FALCONES, “LA REINA DESCALZA”

“La reina descalza”, Ildefonso Falcones

Leggo su el Pais di oggi l’annuncio di un’anteprima letteraria: l’imminente uscita del nuovo romanzo dello scrittore catalano  Ildefonso Falcones, l’autore di La cattedrale del mare (La catedral del mar ). La nuova opera, La reina descalza (letteralmente “scalza”) uscirà domani in Spagna, ma El Pais ne ha anticipato oggi un capitolo. Nell’articolo “La vida tras la esclavitud y la persecución gitana, vista por  Ildefonso Falcones” di J.Josè Abad, si rivela che Falcones in questo romanzo fa un ritratto della società spagnola della metà del XVIII secolo e narra di alcuni episodi meno noti della storia spagnola: la secolare persecuzione della popolazione di origine gitana:

“(…) uno de los episodios menos conocidos de los últimos siglos de la historia de España: la persecución secular a la que fue sometida la población de origen gitano.”

In questo scenario d’epoca in cui appaiono bastimenti, conventi, teatri e gitani, confluiscono anche le storie di una giovane gitana e di una ragazza cubana arrivata da Siviglia dopo aver ottenuto la libertà.  La schiavitù e la vita nelle colonie è un altro dei temi di cui tratta La reina descalza: Continua a leggere