JANE AUSTEN, I 200 ANNI DI “ORGOGLIO E PREGIUDIZIO”

“Pride and Prejudice”(2005) film diretto da Joe Wright

Alle celebrazioni per  i 200 anni della pubblicazione di Orgoglio e Pregiudizio (1813) di Jane Austen (1775-1817) di cui già avevo parlato in un precedente post, si aggiunge l’iniziativa annunciata oggi su The Guardian: il servizio postale britannico, la Royal Mail, ha deciso di dedicare una serie di francobolli con l’immagine dei sei romanzi di Jane Austen: Orgoglio e Pregiudizio (1813), Ragione e Sentimento (1811), Emma (1815),  Persuasione ( 1818), L’abbazia di Northanger (1817), Mansfield Park (1814) . Inoltre le lettere spedite a Chawton nell’Hampshire, dove la Austen trascorse l’ultima parte della sua vita, e a Steventon,  dove nacque la scrittrice, avranno per una settimana un timbro speciale in cui apparirà una famosa citazione da Orgoglio e Pregiudizio.

“Do anything rather than marry without affection” (Pride and Prejudice)

Continua a leggere

SYLVIA PLATH, POETESSA, SCRITTRICE E NON SOLO

Sylvia Plath (1932-1963)

In questi giorni sono apparsi molti articoli, soprattutto nei giornali anglosassoni, dedicati alla poetessa e scrittrice americana Sylvia Plath , in occasione del 50° anniversario della sua morte l’11 febbraio 1963. Alcuni articoli si sono particolarmente soffermati sulle implicazioni psicologiche e il dramma esistenziale che portarono Sylvia Plath al suicidio, con il rischio, forse, di dare più enfasi alla sua scelta estrema, che al suo talento creativo.

Sylvia Plath,  poetessa: la sua opera poetica – fatta eccezione per The Colossus (1962) – è apparsa postuma: Ariel (1966), Crossing the Water (1971), Winter Trees (1972). Scrisse anche un romanzo The Bell Jar e i Diari, tra il 1960 e il 1962 in cui emerge tutta la sua acutissima sensibilità.

Vorrei però ricordare qui Sylvia Plath in una veste forse meno nota, di autrice di tre racconti e una filastrocca per bambini che dedicò ai suoi due figli  avuti dal marito Ted Hughes, poeta e scrittore inglese. Continua a leggere

UN’INEDITA VIRGINIA WOOLF

Che piacevole scoperta, un lato inaspettato di Virginia Woolf! Si preannunciano ironici e divertenti gli articoli che la scrittrice inglese scrisse per il giornale di famiglia The Charleston Bulletin, creato dai suoi giovani nipoti, Quentin e Julian Bell. Un articolo apparso oggi su The Guardian (“Virginia Woolf’s fun side revealed in unseen manuscript” by Alison Flood) anticipa una sorpresa per gli appassionati di Virginia Woolf (1882-1941): la pubblicazione, per la prossima estate, da parte della British Library, proprio di questi manoscritti inediti della scrittrice. Continua a leggere

ORGOGLIO E PREGIUDIZIO, JANE AUSTEN

E’ verità universalmente riconosciuta che uno scapolo largamente provvisto di beni di fortuna debba sentire il bisogno di prendere moglie” è questo il celebre incipit del capolavoro di Jane Austen (1775-1817), la scrittrice che Virginia Woolf definì “l’artista più perfetta tra le donne”. Ricordo che nella lettura del romanzo mi sono sentita ospite di quel mondo della provincia inglese di fine Settecento abitato da ragazze in cerca di marito, il cui orizzonte non sembrava andare oltre i balli, i té, gli amori e le aspirazioni della buona società. Mi ha colpito il ritratto  puntale, spesso ironico  e squisitamente femminile della Austen. Quest’anno ricorre il 200° anniversario di Pride and Prejudice. Un articolo di Matilda Battersby su The Independent del 28/01/2013 (www.independent.co.uk) ricorda una lettera di Jane Austen datata 29 gennaio 1813, in cui la scrittrice esprime tutto il suo entusiasmo per aver ricevuto una copia del suo libro, Pride and Prejudice, ““my own darling child“, come lei stessa lo definisce.

Mi sono chiesta leggendo l’articolo se la gioia creativa di uno scrittore sia rimasta immutata nei secoli, al di là dei formati o materiali usati, libri o e-book.

Se vi capitasse di andare nel Regno Unito quest’anno e siete degli amanti della letteratura inglese, merita allora una visita il Jane Austen’s House Museum a Chawton.  Magri prima date anche un’occhiata a un sito dedicato all’anniversario di Orgoglio e Pregiudizio: www.prideandprejudice200.org.uk.

Per invogliare chi non l’avesse ancora letto, un passo famoso dal capitolo cinque del romanzo: “ Vanità e orgoglio sono cose molto diverse, benché le due parole vengano spesso confuse. Si può essere orgogliosi senza essere vanitosi. L’orgoglio si riferisce piuttosto all’opinione che abbiamo di noi stessi; la vanità a quella che si vorrebbe che gli altri avessero di noi”.